Nel 2020 lo yoga online è stato uno dei termini che abbiamo imparato a conoscere di più. Non che prima non esistesse, ma come sappiamo tra marzo e maggio tutto le attività che potevano spostarsi in massa sul web, anche quelle che non ci avevano mai pensato o creduto, lo hanno fatto. E così è […]

Nel 2020 lo yoga online è stato uno dei termini che abbiamo imparato a conoscere di più. Non che prima non esistesse, ma come sappiamo tra marzo e maggio tutto le attività che potevano spostarsi in massa sul web, anche quelle che non ci avevano mai pensato o creduto, lo hanno fatto. E così è stato anche per lo yoga.

Da quel momento anche se lo yoga online esisteva già da un bel pezzo, tutti (o quasi) hanno iniziato a proporre le classi e il loro supporto psicofisico sul web nei più svariati modi possibili.

Se prima di marzo 2020 esisteva essenzialmente un solo grande modello di yoga online che possiamo chiamare “yoga on demand”, che fosse gratuito su YouTube o a pagamento con l’acquisto di video corsi, si trattava pur sempre di corsi registrati. Dopo marzo 2020 lo yoga online è diventato anche yoga online in diretta. 

Sull’argomento in generale possiamo dire tutto e il contrario di tutto. Visto che ho scritto e dichiarato più volte (anche prima di marzo 2020) che ho iniziato a fare yoga proprio online quando ancora qui era poco conosciuto, sicuramente questo cambiamento l’ho vissuto in maniera particolare.

Di fatto posso affermare che ad oggi ho avuto esperienza di yoga online da entrambe le parti (allieva e insegnante) e di aver anche esperienza diretta dell’evoluzione che c’è stata sia online sia in presenza.

Ecco perché ho deciso di scrivere questo articolo, in cui mettendomi nei panni sia dell’allieva sia dell’insegnante, cercherò di sintetizzare le nuove dinamiche e le diverse opzioni di fare/insegnare yoga oggi esistenti.

Di seguito quindi trovate tutta la (mia) verità, nient’altro che la verità.

Yoga online: modalità, vantaggi e svantaggi.

Fare yoga online ha sicuramente i suoi vantaggi. Ora che le modalità sono tante, ognuno può scegliere davvero quella che funziona meglio per le sue necessità.

In generale esistono tre grandi macro modalità di corsi di yoga online:

  • I video corsi tematici
  • Le così dette “Academy”, ovvero piattaforme in abbonamento che al loro interno hanno tanti video corsi diversi registrati
  • Le lezioni di yoga online in diretta su piattaforme generalmente terze.

A mio avviso ognuna di queste modalità è adatta a persone con esigenze ben precise.

In linea generale, il corso online permette di accedere a una conoscenza e a un percorso in totale comodità a livello di tempo e di spazio. Ma non solo. Oltre al fatto che si riescono a gestire meglio gli orari della giornata, questi corsi hanno anche un alto livello di accessibilità. Spiego cosa intendo per accessibilità riportando un esempio personale.

Con l’arrivo delle lezioni online in live streaming ho avuto la possibilità di fare yoga con grandissime insegnanti che vivono dall’altra parte del mondo e con le quali magari non avrei mai avuto la possibilità di praticare direttamente o comunque non con questa facilità. Questo è il grande potere “buono” dell’online: l’accessibilità, intesa come spazio / tempo e sì anche economica.

Altri vantaggi dello yoga online li possiamo sintetizzare così:

  • Pratichi dove vuoi.
  • Migliori la gestione del tempo e riesci a coniugare meglio la lezione di yoga con gli altri impegni.
  • Probabilmente riesci a scegliere tra più corsi diversi.
  • Non ci sono costi extra (intese come iscrizioni, tesseramenti, costi dovuti allo spostamento) e in generale costa meno.
  • Puoi praticare e fare lezione con l’insegnante che preferisci (e che non abita nella tua città).
  • Nel caso delle lezioni in live streaming non rinunci alla guida dell’insegnante.
  • Nel caso dei video corsi registrati pratichi quando vuoi tu.

Meglio il corso yoga registrato o le lezioni live?

Scegliere tra i video corsi registrati o le lezioni yoga in live streaming dipende da te. Se sei principiante il mio consiglio è quello almeno di iniziare con le lezioni di yoga in live streaming, in modo da avere la guida dell’insegnante. Seguendo un video corso nessuno potrà dirti se stai imparando il cane a faccia in giù correttamente o se magari per il tuo caso specifico è meglio avere delle indicazioni adatte per il tuo corpo (ogni corpo è diverso!) per non farti male.

Lo stesso discorso vale se sai di avere problemi fisici o di non essere proprio al top della forma. Meglio non improvvisare con un video tarato comunque su una classe standard. Ovviamente questo implica anche il fatto che le lezioni live abbiano un numero chiuso di partecipanti, altrimenti sarà difficile che un’insegnante potrà esserti da guida con una classe composta un gran numero di persone.

Le lezioni di yoga in live streaming hanno anche il vantaggio di fornire una sorta di routine, un programma da seguire con regolarità. Ovvero: non puoi posticipare una lezione on line in live streaming. Quando capita però hai anche la flessibilità di poterla recuperare un altro giorno della settimana con più facilità. Inoltre ho potuto notare che anche nelle classi online in live streaming si forma il gruppo di persone che si ritrova per fare yoga insieme, mentre i più introversi possono mantenere la loro privacy 🙂

A tal proposito, se vuoi puoi iscriverti al Gruppo privato su Facebook.

Infine, lo yoga online in diretta ha aperto la possibilità anche della classe one-to-one. Le lezioni private generalmente sono abbastanza costose e devono sottostare anche agli orari in cui le sale sono disponibili. Le classi di yoga online private di solito costano meno e c’è più flessibilità di orario e meno rischi di avere imprevisti e dover annullare.

Una volta acquisite le giuste competenze e più consapevolezza del proprio corpo, allora anche i video corsi registrati sono una grande risorsa. Questo perché in precedenza l’insegnante avrà dato tutti gli strumenti per capire, sentire e provare nel modo giusto per te, le diverse posizioni o respirazioni da fare.

Il video corso registrato va bene per chi pratica già da tempo, per chi ha acquisito la giusta consapevolezza e vuole approfondire un determinato aspetto dello yoga o vuole la comodità di seguire un programma di yoga specifico e farlo senza vincoli di luogo e di tempo. Inoltre ritengo che il video corso aiuti anche nel processo di creazione di una pratica autonoma, che è una parte bellissima del percorso yoga.

E le App?

Per completezza sull’argomento, voglio spendere anche due parole veloci sulle App di famosi brand sportivi che erogano video o programmi di yoga. In generale il tipo di offerta di queste app può essere paragonato a quello di un video corso preconfezionato, forse ancora più standard, perché devono rispondere a centinaia di utenti/allievi. Bisogna ricordare che lo yoga non è uno sport, questo dovrebbe essere abbastanza chiaro, per cui non andrebbe trattato come tale.

Lo yoga è un percorso psicofisico e se gestito come un qualsiasi programma di allenamento non solo snatura una disciplina millenaria ma non le consente neanche di apportare davvero i benefici che dovrebbe. Per cui se volete usare un’app per fare attività motoria e fitness va benissimo usare anche quelle di brand famosi (il cui scopo in realtà è vendervi altro). Se volete fare yoga, visto l’offerta online che abbiamo al giorno d’oggi, se volete intraprendere davvero un percorso serio, allora vi consiglio di provare anche altre modalità di offerta e percepirne la differenza. Dopo di che, liberi tutti!

Yoga in presenza: modalità, vantaggi e svantaggi.

Partendo dal presupposto che l’essere umano è un animale sociale, possiamo dire che quando si pratica yoga in presenza c’è molto di più della sola lezione. Lo yoga in presenza offre tutto un contesto che gira intorno alla classe in sé, ma che fa parte del momento yoga. Mi riferisco per esempio alla tisana presa tutti insieme dopo la lezione oppure le chiacchiere scambiate all’inizio o alla fine della classe.

L’insegnamento frontale a mio avviso (e non solo a mio avviso) continua ad avere un alto valore a livello di condivisione e di energia che si crea durante una classe di gruppo in presenza. Alcune persone poi hanno proprio bisogno della presenza fisica per riuscire ad apprendere meglio o sentirsi guidati in sicurezza. Alcuni hanno bisogno di godere di quei momenti sociali di cui parlavo nel paragrafo sopra.

Prima delle normative sul distanziamento sociale, la classe in presenza consentiva anche di intervenire sugli aggiustamenti e accompagnare fisicamente nell’allineamento di una postura. Benché le classi in presenza siano riprese, nel momento in cui sto scrivendo purtroppo questo non è ancora possibile farlo.

Un altro vantaggio delle lezioni yoga in presenza è l’accesso agli strumenti che possono servire durante la pratica. E’ vero che in teoria per fare yoga basta un tappetino e un abbigliamento comodo, ma è anche vero che molto spesso si usano anche blocchetti, cinture, cuscini, coperte ecc…Non tutti dispongono di queste cose a casa. E poi c’è l’ambiente: il suono di una campana tibetana, il canto dell’om tutti insieme, il profumo di un incenso. Ovviamente nessuno vieta di riprodurre a casa un ambiente simile o più personalizzato.

Per questo ho creato una guidata gratuita su “Come fare yoga a casa”, che ricevono tutti quelli che si iscrivono alla newsletter.

In ultimo, ma non meno importante: non tutti hanno lo spazio per poter praticare in casa e altre volte uscire e andare nello studio di yoga ci consente di staccare e prenderci quel momento davvero per noi.

Yoga online o Yoga in presenza?

Tirando le somme, una cosa non deve escludere l’altra! Si possono integrare le due formule insieme o alternarli periodicamente. Da allieva ho sempre fatto e continuo a fare così: ho iniziato online e poi sono passata alla studio, così ho iniziato ad alternare e ad integrare tra loro queste tipologie di lezioni. Soprattutto in questo momento, penso a quante persone lo yoga online è stato di supporto durante la quarantena e quante altre persone hanno avuto così l’opportunità di scoprine i benefici.

Lo stesso concetto vale per l’insegnamento, proprio perché le ritengo formule che si possono integrare tra di loro e che possono rispondere anche a esigenze diverse. Oggi vengono organizzati online anche retreat e corsi di formazione che funzionano benissimo, allo stesso tempo questo non significa che non faremo più un ritiro o una formazione in presenza. L’importante è seguire un programma e un insegnante serio, che sia on o off line.

A proposito: ecco il mio calendario dove potrai vedere tutte le lezioni che tengo sia online in live streaming sia in presenza. 🙂

Spero che l’articolo sia stato utile per fare un po’ di chiarezza su questi nuovi modelli di pratica yoga che si sono diffusi  rapidamente e che ti abbia dato anche la possibilità di capire quale modello oggi fa al caso tuo.

Se non l’hai ancora fatto, dai un’occhiata al canale YouTube e se vuoi richiedi una lezioni di prova online, sarò lieta di averti nel gruppo! Ti lascio qui sotto anche alcuni dei commenti e delle recensioni di chi ha seguito le mie pratiche online 🙂

Namasté 🙏