“Questo non è lo yoga che si pratica in solitudine in cima a una montagna e fuori dalla realtà, è stato insegnato per la gente che lavora, che ha una famiglia e che è sottoposta agli stress di ogni giorno: nel mondo moderno in cui viviamo c’è una tremenda pressione, silenziosa ma precisa che ci sconvolge e ci possiede, a tal punto […]

“Questo non è lo yoga che si pratica in solitudine in cima a una montagna e fuori dalla realtà, è stato insegnato per la gente che lavora, che ha una famiglia e che è sottoposta agli stress di ogni giorno: nel mondo moderno in cui viviamo c’è una tremenda pressione, silenziosa ma precisa che ci sconvolge e ci possiede, a tal punto che non sappiamo se siamo reali o non reali”. 

A parlare è Yogi Bhajan, divulgatore (se così si può definire) del Kundalini Yoga in occidente. Il Kundalini yoga viene chiamato anche lo yoga della consapevolezza, perché ha come prerogativa un percorso che porta alla conoscenza profonda di noi stessi. Un percorso che prevede la pratica di mantra, asana, meditazioni e kriya: tecniche yoga che porterebbero a risvegliare la nostra Kundalini. Con il Kundalini Yoga ci addentriamo in un tipo di yoga più spirituale, introspettivo, dove si va a lavorare su un livello più sottile fatto di energia, chakra e diciamo anche subconscio.

Per prima cosa: cos’è la Kundalini

La Kundalini è considerata un’energia latente di trasformazione e che ognuno di noi possiede, ma che nella maggior parte dei casi rimane inespressa. Secondo gli antichi maestri, la Kundalini risiede addormentata alla base della colonna vertebrale, dove si trova il primo chakra – Muladhara.  Solitamente viene rappresentata come un serpente avvolto su se stesso tre volte e mezzo, infatti kundal in sanscrito vuol dire anello e Kundalini è più poeticamente “il ricciolo dell’amato”.

kundalini yoga

La pratica yoga mira proprio al risveglio della Kundalini, così che l’energia inespressa e addormentata possa idealmente risalire dalla colonna vertebrale, attraversare tutti i sette chakra principali, fino ad unirsi al chakra della corona, Sahashhara. A questo livello avverrebbe così l’incontro tra l’energia femminile (kundalini) e quella maschile (shiva) per un “matrimonio” che porterebbe a un livello superiore di consapevolezza personale e conoscenza cosmica.

Le origini del Kundalini Yoga

Il Kundalini yoga è stato trasmesso per 2000 anni in segreto da maestro a discepolo, finché Yogi Bhajan non decise di diffonderlo a tutti e di portarlo negli Stati Uniti. Era il 1969 e il Kundalini yoga veniva per la prima volta insegnato in pubblico. Yogi Bhajan ha sempre dichiarato che la sua scelta di interrompere questa lunga tradizione è stata una decisione consapevole e ragionata. Il Kunalini yoga infatti sarebbe “lo yoga perfetto per il XXI secolo, dato che mai come in questo periodo storico l’essere umano è soggetto ad alti livello di stress e ogni giorno è chiamato a gestire diversi tipi di relazioni interpersonali”.

La pratica del Kundalini Yoga

Il Kundalini yoga conta circa 5000 mila esercizi e tecniche tra mantra, canti, asana, meditazione, pranayama e kriya. E’ assolutamente adatto a tutti ed è pensato proprio per quelle persone che per tipo di stile di vita non possono meditare 12 ore al giorno o andare a vivere su una montagna. Anche l’aspetto fisico è interessante, dato che la tanto temuta elasticità e flessibilità non sono una prerogativa del Kundalini yoga. Lo stesso Yogi Bhajan dice che

Se la flessibilità fosse l’unica forma di yoga, allora i circensi sarebbero i più grandi yogi.

Dato il suo aspetto più trascendentale, rispetto ad altri tipi di yoga, viene spesso confuso con una sorta di religione. Non è assolutamente così. Il Kundalini yoga è una scienza che ha messo a punto un procedimento che a volte può essere intenso dal punto di vista emotivo e che può portare a galla il nostro subconscio. Come dicevo all’inizio infatti, la prima lezione del Kundalini Yoga è conoscere noi stessi e i nostri limiti, al fine di portare maggior consapevolezza nella nostra vita.

I benefici del Kundalini Yoga

Per beneficiare del Kundalini Yoga il primo (e direi unico) requisito è la costanza. Il processo infatti è graduale e nonostante le dicerie, non c’è nessuna manifestazione o “illuminazione” incredibile. Quello che si può percepire è un immediato aumento di vitalità, presenza a se stessi e consapevolezza. Il Kundalini Yoga aiuta a non farsi più controllare da pensieri ed emozioni e ad affrontare con forza le sfide quotidiane.

Possiamo riassumere così i benefici principali del Kundalini Yoga:

  • Agisce direttamente sul sistema nervoso centrale e periferico, eliminando le tensioni causate dallo stress.
  • Migliore il funzionamento del sistema immunitario e di quello endocrino.
  • Il corpo diventa più forte e tonico.
  • Le emozioni vengono canalizzate e trasformate in energia che induce a ottenere maggior serenità ed equilibrio.
  • Si assiste ad un aumento generale del benessere e alcuni dicono addirittura che abbia un effetto di ringiovanimento.
  • Sviluppa maggior apertura mentale e aumenta il proprio potenziale creativo.
  • Lavora sulla consapevolezza interiore.

Lezione di Kundalini per principianti online

Ora che sai cos’è il Kundalini Yoga e sui principi generali, puoi provare a seguire la classe di Kundalini per principianti che ho preparato per voi. La lezione dura circa mezz’ora e puoi farla da dove vuoi. Trovi il video qui sotto o direttamente sul mio canale YouTube. 

All’inizio e alla fine della pratica reciterò due mantra. Se vuoi puoi recitarli con me oppure rimanere semplicemente ad ascoltare.

  • Il primo mantra è ONG NAMO GURU DEV NAMO
  • Il secondo mantra è SAT NAM

Trovi maggiori dettagli nel video e nel suo info box.

Se ti va, iscriviti al canale per rimanere sempre aggiornato sulle nuove lezioni e lascia anche un commento sotto il video.

Namasté 🙂