riprendere yoga dopo la pausa

E’ tempo di rientri dalle vacanza!  In queste settimane la maggior parte delle persone sta per rientrare al lavoro e alla normale vita di tutti i giorni. Questo significa anche… riprendere lo yoga regolarmente! Perché si sa, in vacanza la routine cambia, gli studi di yoga spesso sono chiusi e allora ci prendiamo una vacanza anche dalla nostra pratica.

Premettendo il fatto che almeno un po’ di morning yoga o qualche saluto al sole consiglio sempre di provare ad inserirli anche in vacanza, prendersi una pausa anche dallo yoga – oltre che dal lavoro – non è una scelta così grave, anzi. E’ un’occasione per far riposare i muscoli e dargli il tempo di “ricostruirsi”, dopo quasi un anno di pratica costante. Questo ci tengo a sottolinearlo per tutte quelle persone che tendono a sentirsi un po’ in colpa quando mettono in pausa la pratica o qualche attività sportiva.

Come riprendere a fare yoga dopo le vacanze

Prendersi una pausa dallo yoga durante le vacanze estive ha sicuramente due effetti collaterali, che possiamo provare sulla nostra pelle non appena rimettiamo i piedi sul tappetino:

  • Il primo è che ci sentiamo come l’uomo di latta nel Mago di Oz e alla prima lezione pensiamo di essere regrediti nella pratica.

riprendere yoga

  • Il secondo effetto collaterale, decisamente positivo, è che riprendere la nostra routine di yoga ci aiuta ad affrontare meglio il rientro al lavoro e in generale alla nostra normale quotidianità.

riprendere-yoga-vacanze

Le vacanze fanno bene al corpo e alla mente, la scienza lo ha dimostrato più volte. Avere lunghi periodi di stress infatti aumenta la produzioni di alcuni ormoni, in particolare il cortisolo, con conseguenze negative sulla salute del nostro sistema nervoso e in generale sul corpo. Quindi come rientriamo nella nostra routine senza ricadere in stress, depressione e ansia?

La parola chiave per ritrovare la propria routine è: gradualità.

La soluzione è prendersi tutto il tempo per riabituare gradualmente il corpo e la mente al rientro. Lo yoga è uno di quegli elementi che compongono la routine, ma che al contempo aiutano a riprenderla nel suo complesso. In concomitanza con la ripresa graduale della pratica yoga, il mio suggerimento è quello di cercare di ritrovare anche l’equilibrio sonno/veglia e di tornare a mangiare in modo sano ed equilibrato. Tutte azioni che ci aiutano a far sentire bene il corpo, fare il carico di energia e non cadere nella sindrome da rientro traumatico.

Ritrovare la routine yoga: parti dal mattino!

Per riprendere la pratica yoga dopo le vacanze non c’è niente di meglio che iniziare a praticare fin dal mattino. Puoi iniziare con alcune asana da eseguire a letto, per risvegliare dolcemente il corpo.  Si possono fare alcune torsioni profonde, praticare la posizione del bambino e cat and cow per risvegliare dolcemente la colonna vertebrale e il bacino. Successivamente si può passare alla pratica sul tappetino e fare il pieno di energia con qualche giro di saluto al sole. Il saluto al sole aiuta proprio a sciogliere, allungare e rendere più flessibili i muscoli. Inoltre prepara il corpo e la mente ad asana successive, come i guerrieri. Alla fine si può inserire un mezzo ponte per allungare la colonna e aprire il petto e la farfalla supina per lasciarsi andare poi a qualche minuto di Savasana. Ora siamo pronti per iniziare la giornata pieni di energia!

Riprendere la pratica yoga dopo le vacanze: lo yoga alla sera.

Ho citato prima la ripresa dell’equilibrio sonno/veglia tra le buone pratiche da fare al rientro dalle vacanze. Con lo yoga serale potete prendere due piccioni con una fava: riportare la pratica yoga nella routine quotidiana e conciliare il sonno.

La pratica serale può essere una combinazione del saluto alla luna (chandra namaskara), asana focalizzate sui piegamenti in avanti per favorire il senso di rilassatezza e naturalmente savasana. Faccio presente che esistono diverse versioni del saluto alla luna (proprio come il saluto al sole) e qui sotto trovate una delle sequenze possibili.

saluto alla luna

Saluto alla luna – Chandra namaskara

 

Lo yoga al rientro dalla vacanze: riparti anche dal pranayama.

La respirazione è una delle basi dello yoga. Le tecniche di pranayama aiutano a liberare la mente, focalizzarsi sulla pratica, restare nel qui e ora, ma anche a rilassarsi o al contrario energizzarsi. Tra le tecniche di respirazione da eseguire si può praticare Kapalabhati pranayama alla mattina. Kapalabhati infatti è un esercizio di respirazione tonificante e stimolante. Per intensificarne l’effetto, puoi immaginare di alimentare il fuoco interno all’altezza dell’ombelico. Sentirai come espirazione dopo espirazione diviene sempre più potente e caldo donando un profondo senso di solidità interiore. Esegui qualche ciclo respiratorio e poi riposati respirando naturalmente. Alla sera invece per calmare la mente, rilassare il corpo e quindi conciliare il sonno, puoi optare per la respirazione Ujjayi. Con questa tecnica infatti si produce un suono che richiama quelle delle onde del mare e che aiuta a placare le onde cerebrali, aiutando così prendere sonno dolcemente.

 

Ecco altre risorse che potrebbero esserti utili per riprendere la pratica yoga: 

Iniziare la mattina con i saluti al sole. 

I benefici dello yoga.

Praticare yoga a casa da soli.

8 tipi di yoga e il test per scoprire il tuo stile ideale. 

Namasté 🙏