come arredare la tua yoga room
LIFESTYLE, YOGA

Come creare uno spazio yoga tutto tuo a casa

Una delle tante bellezze dello yoga è che può essere pratico ovunque: che tu sia a casa, in mezzo alla natura o in uno studio pieno di altre persone. Le opzioni sono davvero infinite.

Dal momento in cui impari le posture basilari (come quelle dei saluti al sole), la pratica può essere facilmente integrata nella tua routine quotidiana, ovunque ti trovi.

Praticare yoga ogni giorno (o quasi) è più semplice di quanto si possa pensare. Uno dei motivi è proprio il vantaggio di potersi trovare praticamente ovunque per poterlo fare. Quando la pratica avviene in uno spazio personale, sacro, allora l’esperienza può essere ancora più coinvolgente.

Personalmente pratico in studio uno o due volte a settimana, ma non mi fermo qui. Lo yoga è entrato a far parte delle mia vita quotidiana e per questo uno delle prima necessità che ho sentito riguardava proprio la creazione di uno spazio in casa dedicato alla pratica. Un posto sicuro, tranquillo, sacro dove praticare tutte le volte che voglio: che si tratti dai saluti al sole alla mattina, dei flow alla sera dopo il lavoro e dei momenti di meditazione guidata e rilassamento.

Creare un proprio spazio yoga è davvero importante per beneficiare a pieno del potere di questa disciplina, specialmente quando si è all’inizio. Avere uno spazio yoga tutto tuo significa creare un catalizzatore di cambiamenti, un luogo in cui ricaricarti e lasciarti andare, un luogo dove liberare la mente o dove fare chiarezza, dove mostrare e accettare le tue debolezze e dove diventare più forte, il tuo posto.

Dove e come creare il tuo spazio personale di yoga

Per prima cosa devi scegliere un posto che sia tranquillo, libero da distrazione di ogni genere. Ricordati che alla base di questo spazio ci sei tu. E’ il tuo posto.

Lo spazio dedicato allo yoga può essere anche in giardino o in terrazzo se vivi in un posto caldo, oppure alternarlo in base alla stagione.

Anche la luce ha la sua importanza. Il luogo in questione deve essere illuminato il più possibile da una luce naturale, sia perché la luce naturale aiuta a mantenere la mente tranquilla e rilassata, sia perché è tutta Vitamina D che si assorbe 🙂

La stanza yoga può essere poi decorata con candele profumate, incensi, decorazioni (come immagini, statue, soprammobili, mala o acchiappa sogni), oli essenziali, pietre legate ai chakra e perché no anche fiori o piante. Tutto quello di cui hai bisogno, che ti ispira e ti fa sentire in pace.

creare uno spazio yoga

Props e strumenti necessari alla pratica yoga a casa

  1. Il tappetino, ovviamente. Io ho due tappetini a casa: uno più professionale e costoso della Manduka e uno invece più da battaglia che uso per praticare all’aperto acquistato da Decathlon. Ti consiglio comunque di investire in un buon tappetino di qualità, sentirai subito la differenza durante la pratica.
  2. Un blocco. Ma anche due o tre. Aiutano in tantissime posture o esercizi preparatori. Oltre a funzionare  come aiuto per lo stretching, yin yoga o come “sedia da meditazione”.
  3. Una cintura. Ideale per lo stretching o per esercitarsi a raggiungere determinate posizioni. Indispensabile all’inizio specialmente per le persone naturalmente poco flessibili.
  4. La yoga wheel. Non è proprio tra gli indispensabili, però aiuta soprattutto per aprire il petto, la schiena e ad esercitarsi sulle inversioni (oltre ad essere super divertente!).

come usare la yoga wheel

  1. Coperta e cuscino. Durante shavasana o durante yoga nidra, per aiutare il corpo a rilassarsi e non prendere freddo!
  2. Un cuscino da meditazione. Non assolutamente necessario (soprattutto se si ha già il blocco), ma comunque uno strumento da avare nel proprio spazio se si pratica meditazione o pranayama.

Come decorare il tuo spazio yoga

Questa è la parte che preferisco 🙂 L’unico vero consiglio che conta è: ascoltati e lasciati guidare! Decora il tuo spazio secondo il tuo gusto e quello che ti piace. Non copiare “guru” o altre persone che praticano yoga, perché non è detto quello che hanno scelto loro possa andare bene anche per te!

Ad esempio alcune persone scelgono di aggiungere tra le decorazioni le immagini di un guru o una pergamena sacra (come il gohonzon buddista). Personalmente non fa per me. Immagini di persone o legate all’ambito religioso stonano con il mio essere e la mia idea di spazio yoga. Non mi sentirei più a mio agio, ma al contrario le sentirei come un elemento forzato. Per tante altre persone invece sono oggetti sacri e imprescindibili.

Ecco perché ribadisco il concetto di seguire i tuoi veri desideri, ciò che ti rappresenta davvero. Il bello di questo spazio è che rappresentando te stesso cambia anche al ritmo dei tuoi cambiamenti. Così se all’inizio avrai solo tappetino e blocchetto, dopo qualche anno è probabile che ti ritroverai con uno spazio più ricco di oggetti e decorazioni. Oppure può accadere l’esatto contrario! Avrai sempre meno bisogno di circondarti di cose che non siano solo il tuo tappetino e il silenzio.

Cosa c’è oggi nel mio spazio personale di yoga

 

come praticare yoga da soli

  1. Il tappetino e la sua custodia
  2. Il blocchetto
  3. La cintura
  4. La yoga wheel
  5. Palline da tennis per yin yoga
  6. Incenso e candele profumate
  7. Il mala per la meditazione
  8. La cassa bluetooth per la musica o la meditazione guidata
  9. Guide o schede per le posture e i mudra
  10. Il mio quaderno di yoga
  11. Il tablet, per quando voglio seguire una lezione di yoga online

 

Cosa puoi fare nel tuo spazio personale di yoga

Lo spazio yoga è tuo. Il luogo per far crescere la tua pratica o semplicemente dove rilassarti. E’ qui che puoi fare i saluti al sole alla mattina per risvegliare ed energizzare il corpo, calmare la mente e rilassarti, dove meditare o respirare.

stanza personale di yoga

 

Questo è il tuo studio di yoga, dove puoi fare qualsiasi tipo di pratica. Puoi  leggere dei libri, scrivere, riflettere e perché no anche semplicemente bere una bella tisana o goderti un bicchiere di vino in santa pace! 🙂

 

 

Se vuoi più idee e ispirazioni sulla yoga self pratice puoi leggere anche

PRATICARE YOGA A CASA DA SOLI: PRO E CONTRO, CONSIGLI PER PRINCIPIANTI E COSA SERVE 

LE 5 POSIZIONI YOGA CHE NON MANCANO MAI NEL MIO FLOW

Previous Post Next Post

You Might Also Like